Persone

La mia prima stagione al Ferrari Challenge

La mia prima stagione al Ferrari Challenge

Michael Fassbender racconta di infortuni, grandi emozioni e vittorie

Michael Fassbender festeggia la sua prima stagione alla guida di una Ferrari 488 Challenge nel campionato Ferrari Challenge. Un risultato straordinario per l'attore irlandese, che ha iniziato la sua formazione a Fiorano con il Corso Pilota solo nell'autunno del 2016. "Essere un pilota è sempre stato il mio sogno", ci ha detto, "quindi è bellissimo per me correre sul circuito di Fiorano".

 

All'inizio, ammette, commetteva i classici errori: entrare troppo veloce in curva e perdere velocità in uscita, o semplicemente svoltare troppo presto. Devi imparare a collegare tutto continuando a lavorare sui tuoi punti deboli. Aveva voglia di imparare e ha lavorato sodo per preparare la stagione 2017.

Fassbender ha sempre sognato di diventare un pilota <em>Foto: Gavin Bond</em>
Fassbender ha sempre sognato di diventare un pilota Foto: Gavin Bond

Abbiamo parlato con Fassbender in occasione dell'evento di Laguna Seca, dove ha disputato la sua prima gara del Ferrari Challenge. Era nervoso prima della gara ma di sicuro ha imparato in fretta: nella sua seconda gara, a Mosport in Ontario, è salito sul podio. "Era come se tutte le ore dedicate alla formazione e il tempo trascorso in pista convergessero insieme in un solo istante".

 

Dopo un paio di gare, l'attore irlandese ha iniziato a lavorare sui punti deboli. Al Circuito delle Americhe di Austin, in Texas, ha capito di avere dei problemi a raddrizzare l'auto uscendo da una curva lenta, " tenere le ruote dritte e ottenere il massimo sul rettilineo". Gli è costato qualcosa in qualifica, ma alla fine della gara era riuscito a correggere l'errore.

L'attore ha partecipato al Corso Pilota Ferrari a Fiorano nel 2016 <em>Foto: Gavin Bond</em>
L'attore ha partecipato al Corso Pilota Ferrari a Fiorano nel 2016 Foto: Gavin Bond

Ha continuato ad analizzare le sue performance durante l'inverno ed è arrivato all'evento Daytona International Speedway 2018 nel mese di gennaio sicuro di aver migliorato la velocità. E così è stato: vinse la sua prima gara, cancellando così la delusione per la gara Homestead-Miami del 2017, dove era in testa ma perse la concentrazione e si schiantò. "Sicuramente mi costò il secondo posto, forse anche la vittoria".

 

Oggi, il nervosismo della prima gara è ormai un ricordo lontano. Può sembrare una contraddizione, ma in effetti è molto rilassante, anche se si guida a velocità così elevate. Quando prendo il ritmo, ho le spalle rilassate e non sono in tensione; quello è il momento in cui do il meglio. Se si forza troppo la mano, i tempi sul circuito non sono più controllabili e peggiorano”.

La competizione nella corse del Ferrari Challenge è serrata <em>Foto: Gavin Bond</em>
La competizione nella corse del Ferrari Challenge è serrata Foto: Gavin Bond

Le corse hanno anche migliorato il suo comportamento di guida su strada. Guarda avanti, verso l'orizzonte, “è come fare il percorso inverso”. È molto più sicuro e rilassante.

Fassbender è orgoglioso di far parte del racing team Ferrari. Essere invitato agli stabilimenti di Maranello e visitare Casa Enzo Ferrari è stato veramente speciale. E devo dire che amo lo spirito di squadra che ho scoperto tra i piloti del Challenge. È un gruppo interessante di persone di successo e in gamba, di diversa estrazione sociale. E, ad essere onesti, non mi sarei aspettato che il livello di competizione fosse così elevato".

 

Cos'ha ora in programma l'attore-pilota? “In futuro spero di fare qualche gara di endurance. Questo è il mio obiettivo, se la mia progressione sarà abbastanza buona. Direi persino che, se tutto resterà così com'è, probabilmente potrei preferire le corse automobilistiche alla carriera da attore, perché mi appassionano davvero tanto. Ho cominciato a recitare quando avevo solo 17 anni. Sono passati 23 anni. Sarebbe davvero bello poter correre per 23 anni…”

Ferrari