Corse

Il sogno continua

Il sogno continua

Il team giapponese Car Guy ha vinto l'Asian Le Mans Series al primo tentativo e anche quest'anno è in testa alla classifica. Vi raccontiamo l'incredibile storia del suo proprietario, Takeshi Kimura
di

Tatsuya Otani

L’imprenditore di Tokyo Takeshi Kimura, proprietario del team Car Guy, dice di aver partecipato per la prima volta all’Asian Le Mans Series per capriccio. Dopo aver vinto la sua prima gara non si è più fermato, aggiudicandosi tutte e quattro le tappe. Soltanto quattro mesi dopo partecipa alla storica 24 Ore di Le Mans, concludendo con un ottimo piazzamento. La favola inizia a Monza nell’ottobre del 2018. Kimura, proprietario di una 488 Challenge, riceve da Ferrari l’invito a provare la 488 GT3.

“La stabilità dell’auto era semplicemente favolosa”, ricorda. “Il modo in cui aderiva alla strada mi ha fatto pensare ad un coleottero d’acqua che sfiora uno stagno”. Alla fine di quella giornata di prove, Kimura si sente come sospeso, vorrebbe che quel momento così speciale non finisse mai. Nell’area Hospitality, vede una copia dell’Annuario Ferrari su un tavolo. Sfogliandolo, scopre un articolo sulla 24 Ore di Le Mans e ne rimane affascinato. Così contatta Ferrari con una proposta: se potesse iscriversi all’Asian Le Mans Series, sarebbe disposto a comprare una 488 GT3.

Kei Cozzolino (sinistra) e Takeshi Kimura (destra) posano con la loro Ferrari 488 GT3   Foto: Irwin Wong
Kei Cozzolino (sinistra) e Takeshi Kimura (destra) posano con la loro Ferrari 488 GT3 Foto: Irwin Wong

Inizialmente il team Ferrari pensa che ci sia troppo poco tempo per prepararsi ma, dopo un’attenta riflessione, accetta la sfida. Così Kimura acquista una 488 GT3 e si iscrive all’Asian Le Mans con il pieno sostegno di AF Corse. Come ci dice il compagno di squadra e consulente italo-giapponese di Kimura, Kei Cozzolino, “Di solito si compra un’auto, si eseguono i test, si prepara l’assetto e poi si partecipa alla gara. Ma AF Corse è riuscita ad allestire tutto perfettamente fin dall’inizio. Dovevamo solo guidare senza commettere errori e i risultati sarebbero arrivati”.

Aggiudicarsi il titolo all’esordio è comunque una specie di miracolo.  In seguito, Kimura e Cozzolino si preparano per il Circuit de le Sarthe, sede della 24 Ore di Le Mans. Le sfide qui sono diverse. A differenza della GT3, la GTE spec 488 non ha ABS, quindi gli pneumatici possono bloccarsi se il controllo dei freni non è abbastanza preciso. Kimura però impara in fretta durante i cinque giorni di test a Monza.

Il team di Car Guy ha inaugurato la stagione 2020 a gennaio, con una vittoria nell'Asian Le Mans Series sul circuito di The Bend, Australia
Il team di Car Guy ha inaugurato la stagione 2020 a gennaio, con una vittoria nell'Asian Le Mans Series sul circuito di The Bend, Australia

Il tracciato di Le Mans ha pochissime vie di fuga, e la strada ha una forma caratteristica, più alta al centro. Inoltre,con vetture LMP1 che possono avvicinarsi rapidamente da dietro sui rettilinei, Kimura è sopraffatto da una serie di sfide che non aveva affrontato nelle altre gare. Come se non bastasse, gli viene la bronchite. Ciononostante, Kimura, Cozzolino e il terzo pilota Côme Ledogar riescono a guidare per 24 ore a un ritmo costante e senza interruzioni, concludendo al quinto posto nella classe GT Am, a soli due giri dal vincitore.

Kimura insiste: “Se fossi stato in condizioni migliori e un po’ più abituato al tracciato… la vittoria sarebbe stata alla nostra portata”. Completata la 24 Ore di Le Mans, qual è il suo prossimo obiettivo? “Vorrei correre nel WEC. Certo, ho un’attività da gestire, quindi non sarà facile, ma è un sogno che un giorno mi auguro di realizzare”. L’attuale stagione dell’ALMS è iniziata lo scorso novembre a Shanghai con una gara deludente. Ma, con la consueta tenacia, il team Car Guy ha recuperato a gennaio con la seconda gara del campionato in Australia, dove ha dominato la classe GT al Bend Motorsport Park, aggiudicandosi la vittoria dopo una gara combattutissima. Car Guy è attualmente in testa alla classifica. Il sogno continua.

Ferrari