Auto

PURA EMOZIONE

PURA EMOZIONE

Con la nuova SF90 Spider, Ferrari porta l'emozione di guida a un livello completamente nuovo, decisamente stratosferico
di

Chris Rees

Guidare una Ferrari significa intraprendere un viaggio in un paesaggio carico di emozioni. Con la nuova SF90 Spider, la passione per la guida raggiunge vette che vanno oltre l’immaginazione.

Come Maranello ha già dimostrato con la SF90 Stradale, la Ferrari più potente mai realizzata, ogni viaggio è un’esperienza esaltante. Con la nuova SF90 Spider bisogna ricalibrare tutti i sensi, come conferma Emanuele Carando, Head of Product Marketing: “Tutto è progettato per creare un intimo legame tra guidatore e auto: due corpi e un’anima sola, per scoprire la vera essenza delle emozioni di guida più pure. Un’esperienza davvero indimenticabile”.

Una volta abbassato, il tetto rigido retrattile della Ferrari SF90 Spider scompare sotto l’elegante flying bridge, mentre il vano motore V8 rimane a vista
Una volta abbassato, il tetto rigido retrattile della Ferrari SF90 Spider scompare sotto l’elegante flying bridge, mentre il vano motore V8 rimane a vista

La SF90 Spider è dotata dell’esclusivo tetto rigido retrattile (RHT): aprendolo, le vostre emozioni saranno amplificate dal vento che vi circonda, dal cielo infinito sopra di voi e, soprattutto, dal suono puro di questa straordinaria Ferrari.

Come spiega Michael Leiters, Chief Technology Officer: “A proposito di emozioni di guida, è impossibile non parlare del sound. Un basso profondo ai bassi regimi, una voce da soprano agli alti. Un suono metallico emozionante. È come una sinfonia. In auto, più si aumenta la velocità, più volume si desidera, naturalmente. E ora entriamo in una nuova dimensione. Ed eccovi il suono di questa nuova dimensione”.

Non è solo il sound a raggiungere nuove vette nella SF90 Spider. Grazie all’ingegnoso concept RHT di Ferrari, la guida open-air diventa realtà in soli 14 secondi, anche in movimento. La straordinaria compattezza del tetto rigido retrattile è perfettamente integrata nella forma complessiva, come spiega Flavio Manzoni, Chief Design Officer: “I due buttress posteriori si trovano su un elemento iconico della vettura, il cosiddetto flying bridge. Si tratta di un elemento architettonico che sottolinea la spinta in avanti, che noi chiamiamo effetto fionda”.

Grande attenzione è stata dedicata al comfort dei passeggeri sia con il tetto alzato che abbassato, grazie a sedili unici ed esclusivi e al lunotto elettrico regolabile
Grande attenzione è stata dedicata al comfort dei passeggeri sia con il tetto alzato che abbassato, grazie a sedili unici ed esclusivi e al lunotto elettrico regolabile

Nonostante la sua leggerezza, l’RHT ottimizza il comfort a bordo, con il tetto alzato o abbassato. In termini di guida open-air, sono stati compiuti enormi sforzi per garantire la qualità del flusso d’aria nell’abitacolo, con un lunotto elettrico regolabile che garantisce un comfort eccezionale anche alle alte velocità.

Come sempre con Ferrari, l’aerodinamica è estremamente avanzata. Tra le tante innovazioni si annoverano il sistema attivo shut-off Gurney posteriore e i cerchi forgiati con profili che richiamano il mondo della F1. Il carico aerodinamico di 390 kg a 250 km/h è un punto di riferimento assoluto tra le vetture stradali.

Di profilo, le linee della SF90 Spider sono sensazionali, con un look che sottolinea la spinta in avanti dando vita ad un effetto fionda, anche quando l’auto è ferma
Di profilo, le linee della SF90 Spider sono sensazionali, con un look che sottolinea la spinta in avanti dando vita ad un effetto fionda, anche quando l’auto è ferma

Ed ecco un’altra sorpresa emozionante: il vano motore è completamente a vista, integrando brillantemente il motore V8 turbo nel design. Questo potentissimo propulsore da 780 cv è completato da tre motori elettrici (uno posteriore e due anteriori), per un’imbattibile potenza combinata di 1.000 cv. Il sistema ibrido plug-in garantisce livelli di prestazioni ineguagliabili da qualsiasi altra spider di serie.

Eppure la SF90 Spider rimane incredibilmente semplice da guidare, adattando la potenza in base alle condizioni. Basta selezionare una delle quattro modalità (eDrive, Hybrid, Performance e Qualify) dell’eManettino. Il sistema a trazione integrale consente di raggiungere tempi di accelerazione sorprendenti: 0-100 km/h in 2,5 secondi e 0-200 km/h in 7,0 secondi.

Gli spettacolari buttress posteriori sono stati progettati appositamente per la SF90 Spider. Sono perfettamente integrati nel design generale, sia a livello estetico che aerodinamico
Gli spettacolari buttress posteriori sono stati progettati appositamente per la SF90 Spider. Sono perfettamente integrati nel design generale, sia a livello estetico che aerodinamico

I due motori elettrici anteriori lavorano con un sistema di controllo dinamico migliorato, l’eSSC: durante l’operazione di sterzata, l’auto viene in aiuto del guidatore. Il Torque Vectoring eroga la coppia in modo indipendente variandola tra ruota interna ed esterna, migliorando significativamente la trazione in uscita di curva e rendendo più facile e intuitivo guidare al limite in tutta sicurezza.

Passando all’abitacolo, la filosofia Ferrari “occhi sulla strada, mani sul volante” è più che mai evidente. Si può controllare quasi tutto senza dover muovere le mani dal volante, usando il touchpad intelligente o la voce, pronunciando semplicemente: “Ciao Ferrari”. Il quadro strumenti centrale è ora interamente digitale, con un innovativo schermo HD curvo da 16 pollici.

Con una potenza di 1.000 cv e la trazione integrale, la SF90 Spider fa registrare tempi di accelerazione sorprendenti: 0-100 km/h in 2,5 secondi; 0-200 km/h in 7,0 secondi
Con una potenza di 1.000 cv e la trazione integrale, la SF90 Spider fa registrare tempi di accelerazione sorprendenti: 0-100 km/h in 2,5 secondi; 0-200 km/h in 7,0 secondi

Può sembrare impossibile arricchire ulteriormente l’esperienza sensoriale, ma con l’allestimento Assetto Fiorano le emozioni al volante sono ancora più estreme. L’equipaggiamento prevede, oltre a una livrea bicolore opzionale, gli ammortizzatori Multimatic (derivati dalle gare GT), componenti leggere per ridurre il peso complessivo di 21 kg, lo spoiler posteriore in fibra di carbonio e pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2.

Lasciamo la parola a Enrico Galliera, Chief Marketing and Commercial Officer, che riassume così i risultati ottenuti con la SF90 Spider: “Stavolta ci siamo davvero superati. Abbiamo portato oltre ogni immaginazione l’idea di auto sportiva e quello che intendiamo normalmente con emozioni di guida”.

 

 Scopri la nuova SF90 Spider

Abbonati a The Official Ferrari Magazine

 

Ferrari