Auto

Nel deserto con la 812 Superfast

Nel deserto con la 812 Superfast

I piloti Ferrari del WEC Toni Vilander e Miguel Molina guidano le 812 Superfast nel deserto del Texas
di

Richard James

Il fotografo fa segno alle due Ferrari 812 Superfast di scambiarsi i posti mentre sfrecciano nel deserto. I veicoli si sorpassano a turno, mettendo in scena uno spettacolo per le telecamere. In un angolo del deserto del Texas occidentale che sembra appena uscito da un western hollywoodiano, le auto - una Giallo Modena, l'altra Rosso Corsa, con oltre 780 cavalli di potenza a testa - dominano il paesaggio.

Fortunatamente, Toni Vilander e Miguel Molina sanno come tenere sotto controllo tutta questa potenza. Questi due piloti gareggiano con le migliori Ferrari delle Competizioni GT, la 488 GTE e la 488 GT3 e sono abituati a guidare ad alta velocità a pochi centimetri dalle altre vetture e a testare i limiti sui circuiti di tutto il mondo.

Per Molina la 812 è "un ottimo compromesso tra un'auto da strada e una da corsa". <em>Foto: Aldo Soligno</em><br /><br />
Per Molina la 812 è "un ottimo compromesso tra un'auto da strada e una da corsa". Foto: Aldo Soligno

Insieme, Vilander e Molina hanno vinto il campionato Pirelli SprintX World Challenge 2018. Da solo, Vilander si è aggiudicato il titolo assoluto del campionato PWC GT per R. Ferri Motorsport, mentre Molina ha ottenuto un paio di vittorie nella European Le Mans Series del 2018. Nella categoria GTE Pro, tra i successi degli ultimi anni Vilander vanta anche un paio di vittorie nella 24 ore di Le Mans.

Oggi però, non c'è nessuna pressione a dover dare il massimo. Il loro compito è quello di seguire le indicazioni del fotografo, divertendosi a guidare la più potente V12 omologata che la Ferrari abbia mai costruito. Ma per piloti così abituati all'abitacolo di una Ferrari da corsa altamente performante, nata per segnare tempi record sul giro, che divertimento ci può essere su una stradale? “La potenza,” dice Vilander. "Magari avessi così tanta potenza nelle auto da corsa. È una bestia quando vai a tutto gas. È potenza pura. Ti schiaccia al sedile. Sulle auto da corsa, dobbiamo seguire alcune regole. Dobbiamo adattare la potenza dell'auto, la coppia del motore e il turbo a tutte queste regole".

Vilander e Molina si divertono a spingere al limite la 812 tra i cactus e le piante di yucca <em>Foto: Aldo Soligno</em><br /><br />
Vilander e Molina si divertono a spingere al limite la 812 tra i cactus e le piante di yucca Foto: Aldo Soligno

Ma sulle stradali, a parte le norme sulla sicurezza e sulle emissioni, non ci sono regole. La Ferrari è stata in grado di riprogettare il suo V12 per erogare una potenza di 780 CV e metterlo su una GT biposto che rimane gestibile su strada.

"La Ferrari ha creato un ottimo compromesso tra un'auto da strada e un'auto da corsa, una vettura da guidare su una strada normale o in pista", spiega Molina. "Ci sono le diverse mappe del motore, vari strumenti con cui divertirsi in macchina, diverse modalità di controllo della trazione. Penso che questo sia uno dei punti di forza di una Ferrari - una macchina davvero stupenda su strada con prestazioni incredibili in pista.

"La potenza è davvero gestibile, si può modulare bene con l'acceleratore", continua lo spagnolo. “Il fatto che si controlli così bene è un vantaggio per chi non è abituato a tutta questa potenza. È facile da gestire, per questo è divertente”.

"E' una bestia quando vai a tutto gas... ti schiaccia al sedile", dice Vilander parlando della potenza dell'auto <em>Foto: Aldo Soligno</em><br />
"E' una bestia quando vai a tutto gas... ti schiaccia al sedile", dice Vilander parlando della potenza dell'auto Foto: Aldo Soligno

Vilander osserva che le strade finlandesi sarebbero un ottimo posto da percorrere con la 812 Superfast, specialmente in inverno. Dice che vorrebbe persino provarla su un lago ghiacciato. Questo ambiente desertico - la strada stretta nel deserto montuoso del Chihuahua, attorno a El Paso, dove oggi sfrecciano le auto - riflette il carattere del bolide che ha guidato nelle ultime ore: tranquillo, calmo ma anche spigoloso e con un grado di ferocia nascosta che si può sprigionare quando si vuole.

"Mi piace il fatto che si guidi bene su una strada normale. Dopodiché, può succedere qualsiasi cosa.....", dice con un sorriso ironico che gli attraversa il viso mentre pensa alle varie possibilità. “...È fantastica. È una Ferrari”.

Ferrari