Auto

Il programma Ferrari One-Off Projects festeggia i 10 anni

Il programma Ferrari One-Off Projects festeggia i 10 anni

La prima Ferrari One-Off è nata nel 2008. Eccone alcune delle più straordinarie
di

Richard Aucock

Agli albori della Ferrari, avere una carrozzeria personalizzata era la norma. I clienti decidevano con la fabbrica il telaio e il motore e poi sceglievano un carrozziere italiano per realizzare la carrozzeria. Tutti i migliori carrozzieri volevano rivestire gli splendidi telai della Ferrari, con il risultato che ora, ad affascinare i collezionisti, esiste una vasta gamma di esemplari unici del Cavallino.

 

Per far rivivere lo spirito di queste vetture carrozzate, nel 2008 Ferrari lancia il Portfolio Coachbuilding Programme. Inizialmente, l'idea era quella di consentire ai clienti di lavorare con le migliori società italiane di design per creare rivisitazioni uniche di Ferrari sportive in collaborazione con gli esperti di Maranello. Ben presto si è passati alla creazione di progetti completamente nuovi, e dopo la nascita del Centro Stile Ferrari nel 2010, la maggior parte dei progetti è stata gestita internamente dal team di Flavio Manzoni.

 

La prima Ferrari one-off nell'ambito del nuovo programma è stata la SP1 del 2008. Nei dieci anni successivi ne sono state realizzate molte altre. Ci sembra quindi il momento giusto per dare un'occhiata ad alcune delle straordinarie creazioni Ferrari.

La Ferrari P540 Superfast Aperta è una interpretazione del modello placcato d'oro protagonista del film Toby Dammit diretto da Fellini
La Ferrari P540 Superfast Aperta è una interpretazione del modello placcato d'oro protagonista del film Toby Dammit diretto da Fellini

La prima Ferrari one-off fu commissionata nel 2008 da un cliente privato, mentre la seconda venne costruita per un cliente americano, Edward Walson. La P540 Superfast Aperta si basava sulla 599 GTB Fiorano e si diceva fosse ispirata a un esemplare unico di Ferrari disegnato dalla Carrozzeria Fantuzzi per il cortometraggio di Federico Fellini del 1968, Toby Dammit. Ci vollero 14 mesi per progettare l'auto e, quando la ricevette in consegna alla fine del 2009, Walson disse alla Ferrari: "È il regalo di Natale più speciale della mia vita".

Il collezionista newyorchese Peter Kalikow era un altro fan di lunga data che chiese alla Ferrari di aiutarlo a festeggiare qualcosa di speciale: erano passati 45 anni dall'acquisto della sua prima Ferrari. Da qui nacque la Ferrari Superamerica 45 del 2011.

Progettata interamente dal Centro Stile, la vettura è stata verniciata nell'esclusivo Blu Antille, in linea con la 400 Superamerica originale del 1961 di Kalikow. È stata presentata al pubblico in occasione del Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2011.

La 458 MM Speciale è rifinita in Bianco Italia triplo strato con livrea che rende omaggio al Tricolore italiano
La 458 MM Speciale è rifinita in Bianco Italia triplo strato con livrea che rende omaggio al Tricolore italiano

 

Alcune One-Off sono state commissionate da clienti famosi. La sigla "EC" nella Ferrari SP12 EC sta per Eric Clapton. Nel 2012 commissionò a Ferrari e Pininfarina la creazione di un'auto sportiva moderna ispirata alla classica 512 BB (Clapton ne ha possedute almeno tre nel corso degli anni). Derivata dalla 458 Italia, la SP12 EC è un affascinante classico moderno.

 

La Ferrari F12 TRS 2014 è un altro esemplare unico che rende omaggio a un classico del passato. La famosa Testa Rossa del 1957 ha ispirato il team del Centro Stile Ferrari, che ha creato una variante estrema della Ferrari F12berlinetta in versione barchetta a due posti e tetto scoperto. Ovviamente, le "teste rosse" del V12 erano visibili attraverso una finestra nel cofano. La vettura ha partecipato all'edizione 2014 della Ferrari Cavalcade e al Goodwood Festival of Speed.

La F12 TRS è ispirata alla Testa Rossa del 1957
La F12 TRS è ispirata alla Testa Rossa del 1957

Per l'ultimo progetto speciale Ferrari ispirato al mondo delle corse, vi presentiamo la SP 275 RW Competizione del 2016. Questa vettura combina il telaio dei una F12berlinetta, il motore di una F12tdf e una carrozzeria personalizzata creata da Pininfarina e dal Centro Stile Ferrari. Ispirata alla 275 GTB Competizione, vincitrice della classe GT alla 24 Ore di Le Mans del 1965, questa One-Off è dotata di prese d'aria sui passaruote anteriori, tre branchie sui pannelli posteriori, alettatura nel paraurti e tappo del bocchettone in alluminio lavorato. Il giallo vivace è un colore a tre strati creato appositamente per rievocare il bolide del 1965 dell'Ecurie Francorchamps.

 

Un'altra vettura one-off, commissionata da un cliente britannico, è stata svelata nel 2016. Doveva essere una versione ancora più sportiva ed estrema della 458 Speciale. La caratteristica principale della sua carrozzeria completamente personalizzata è lo spettacolare parabrezza effetto visiera, realizzato verniciando di nero il montante anteriore e rivestendo la parte superiore del parabrezza, ispirandosi alla famosa Ferrari GTO del 1984.

 

E l'ultima Ferrari One-Off Special Projects? È stata presentata all'inizio del 2018: si tratta della Ferrari SP38, realizzata dal Centro Stile Ferrari per un appassionato cliente, che aveva richiesto un modello ispirato alla famosa Ferrari F40. I designer lo hanno accontentato, dando alla 488 GTB un'interpretazione radicalmente nuova.

Ferrari