Auto

250 Testa Rossa: la fuoriclasse della Ferrari

250 Testa Rossa: la fuoriclasse della Ferrari

La Ferrari 250 Testa Rossa vinse per la prima volta 60 anni fa e da allora non si è più fermata
di

Richard Aucock

Testa Rossa è un nome leggendario nel folklore Ferrari. Per decenni, il nome è stato usato da modelli memorabili, in particolare la leggendaria Ferrari Testarossa degli anni '80, una vera e propria auto da poster per milioni di persone. Le origini del nome risalgono al 1957 e a una modifica del regolamento nelle corse automobilistiche.

 

Tale svolta nel Campionato del mondo sportprototipi porta alla nascita della Ferrari 250 Testa Rossa. Per il 1958, le automobili avrebbero dovuto utilizzare motori da 3 litri. L'astuto Enzo Ferrari l'aveva previsto e aveva ordinato lo sviluppo di una sportiva con motore V12 da 3 litri. Debuttò nella 1000 km del Nürburgring del 1957 e si classificò tra le prime 10.

La Ferrari 250 Testa Rossa è una icona tra i ferraristi di tutto il mondo

La 250 Testa Rossa era lo sviluppo della fortunata 500 TR del 1956. Qui, il nome 500 si riferiva, come da tradizione, alla cilindrata; il motore era un quattro cilindri da 2 litri. Progettato dal famoso ingegnere della Ferrari Aurelio Lampredi, il motore fu il primo quattro cilindri Ferrari, originariamente sviluppato per l'uso nelle vetture di Formula Due, e più tardi, per la Ferrari 500 Mondial.

 

Per celebrare la maggiore potenza rispetto al predecessore, la 500 Mondial, le teste dei cilindri furono verniciate di rosso: la 500 Mondial diventò 500 TR.

 

Il rituale fu riproposto nella 250 Testa Rossa. I coperchi delle valvole del motore V12 furono verniciate di un rosso acceso e un team di piloti leggendario venne chiamato per scriverne la storia all'interno del mito Ferrari.

 

Il primo successo arriva all'inizio del 1958, la prima stagione disputata interamente. Phil Hill e Peter Collins trionfano nella 1000 chilometri di Buenos Aires e poco dopo conquistano un'altra vittoria nella 12 Ore di Sebring, arrivando davanti a un'altra 250 Testa Rossa. Era solo l'inizio: nel corso dell'anno, la Testa Rossa vince la Targa Florio, per poi conquistare la famosa prima vittoria alla 24 Ore di Le Mans.

La 250 Testa Rossa chiude l'anno con un successo tale da far conquistare alla Ferrari il titolo mondiale costruttori sportprototipi del 1958. Il 1959 è un anno più duro per la vettura, che riesce comunque ad ottenere la vittoria a Sebring. Nel 1960 arrivano nuovi successi, compresa la vittoria alla 24 ore di Le Mans di quell'anno. La Ferrari vince di nuovo il titolo costruttori, un'impresa che si ripeterà nel 1961. Anche nel 1962, cinque anni dopo il suo debutto, la Testa Rossa continua a vincere, conquistando altri successi a Sebring e a Le Mans.

 

Oggi, la 250 Testa Rossa è un'icona negli annali del marchio. È una delle Ferrari di maggior successo di tutti i tempi e un classico esempio di come la visione di Enzo Ferrari abbia consentito alla Scuderia di ottenere risultati straordinari. È stata guidata dalla maggior parte dei piloti Ferrari dell'epoca - nomi come Dan Gurney, Mike Hawthorne e Wolfgang von Trips - e oggi, gli esemplari originali vengono venduti per molti, molti milioni.

 

L'auto del 1957 con cui Hill e Collins conquistarono le prime vittorie nel 1957 è stata venduta nel 2014 per quasi 40 milioni di dollari. Dopo la sua carriera agonistica, il telaio numero 0704 ha trascorso 30 anni al Museo Henry Ford, dove è stato curato e mantenuto in perfette condizioni. Una valutazione che ha fatto scalpore, e un motivo in più per considerare leggendaria la 250 Testa Rossa.

 

 

Ferrari