Emotività zero

Con una razionalità esemplare Alonso incassa la beffa di Suzuka e dà il miglior stimolo alla squadra

Estimated reading time: 2 minutes

Con una razionalità esemplare Alonso incassa la beffa di Suzuka e dà il miglior stimolo alla squadra

I popoli latini sono spesso indicati come emotivi. E a buona ragione, perché non è difficile che il cuore e i sentimenti prendano il sopravvento sulla razionalità, cosa che può essere, quando si gioca una partita difficile e impegnativa, quanto mai pericoloso.

In tutta onestà, domenica mattina quando ho visto la monoposto di Alonso finire la gara dopo poche centinaia di metri per un banalissimo contatto scaturito dalla ormai inevitabile mischia di partenza, ho avuto una reazione decisamente latina. Una sorta di sgomento vedendo sfuggire quei preziosi punti di vantaggio sui suoi avversari che Alonso aveva tenacemente raccolto. Uno sgomento che si è trasformato in rabbia quando ho visto con quanta autorevolezza Felipe Massa riuscisse a tenere testa agli avversari e a non farsi staccare dalla Red Bull di Vettel.

Se questo è un comportamento latino, sono stato decisamente rassicurato quando ho ascoltato l’intervista di Alonso dopo l’incidente: apparentemente sereno, certamente determinato, si è limitato a dire che il campionato inizia adesso, che tutti sono più o meno con gli stessi punti, e che bisognerà impegnarsi fino all’ultima gara. Bravo! Bravo! Bravo!

Farsi prendere dal panico adesso, equivarrebbe a uscire dalla mischia. Significherebbe non avere la lucidità necessaria per continuare a crederci. Alonso in questo momento ha dato il migliore aiuto che si possa dare a una squadra che, da sempre, lavora con il cuore oltre che con il cervello.

To get more of The Official Ferrari Magazine mix of people, lifestyle, arts and culture: Subscribe now